OLTRE UN MILIONE E MEZZO I LAVORATORI DI TUTTI I SETTORI IN SCIOPERO GENERALE COL SINDACALISMO DI BASE

Roma -

PIU' DI  TRECENTOCINQUANTA MILA I PARTECIPANTI ALLE 30 MANIFESTAZIONI SVOLTE IN TUTTA ITALIA

- venerdì, 17 novembre 2006 -

 

 

QUI' LE FOTO DELLE MANIFESTAZIONI IN TUTTA ITALIA

 

Un "No alla finanziaria" forte e chiaro giunge oggi dal tutto il mondo del lavoro in sciopero col sindacalismo di base. Oltre 1.500.000 il dato globale della astensione nazionale, 350.000 i lavoratori che hanno manifestato nelle 30 piazze d’Italia per una vera redistribuzione della ricchezza, contro lo scippo del TFR e per il rilancio della previdenza pubblica, per l’assunzione di tutti i precari pubblici e privati, contro le spese militari e per il ritiro di tutte le truppe.

Le conseguenze dello sciopero sono state avvertite nei diversi comparti, dove dalla scuola alla sanità, dai tribunali alle agenzie fiscali, nei centri commerciali - dove più forte è la precarietà - nelle aziende metalmeccaniche e chimiche, in particolare del nord del paese, molti sono stati i servizi e le attività sospesi o fortemente ridotti.
Le manifestazioni più significative – Roma, Milano, Torino, Napoli, Bologna, Genova, Catanzaro, Palermo – hanno visto una rilevantissima presenza di lavoratori precari, quelli dei call center pubblici e privati come i dipendenti delle ditte di pulizie, ma anche della sanità, degli enti locali, della giustizia. Importante la presenza degli studenti medi e universitari, che hanno partecipato a molte delle iniziative previste.
"La grande partecipazione al nostro sciopero e alle manifestazioni regionali dovrebbero far riflettere il Governo - dichiara Pierpaolo Leonardi Coordinatore nazionale CUB. "Una finanziaria tutta orientata alla soddisfazione dei bisogni delle imprese è più consona a un governo di centro-destra che ad uno di centro-sinistra. Però è ovvio che, se ci si rifà al liberismo, la ricetta può essere cucinata in modo diverso, ma il sapore sarà sempre stesso".
"Questo sciopero – prosegue Leonardi - è per noi un passaggio, non la conclusione della battaglia. Le mobilitazioni proseguiranno in maniera articolata, in particolare sul diritto a veri rinnovi contrattuali, contro l’ennesima riforma previdenziale alle porte, per far naufragare i fondi pensione e risolvere la piaga della precarietà" conclude Leonardi.

CUB Confederazione Unitaria di Base

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni